RSS

Saper gestire le proprie emozioni

10 Set

Per tutti quei soggetti, e sono tanti, condizionati dalle emozioni causate da eventi ordinari e straordinari, questo articolo apparso sulla rivista Svizzera PME Magazine vuole dare gli strumenti per gestire le emozioni e stimolare le emozioni positive per ottenere il massimo da voi stessi e dai vostri collaboratori.

Grazie a studi scientifici ed a osservazioni si è potuto constatare che le emozioni non nascono dal nulla ma da cinque fattori ben distinti: la stima o riconoscimento dei propri valori, i rapporti interpersonali, l’autonomia, lo status acquisito nell’ambito professionale ed il tipo di professione e di ruolo dove siamo  attivi. Gestire proattivamente questi fattori può permettervi di gestire un colloquio potenzialmente negativo e trasformarlo in positivo e quindi ottenere una collaborazione migliore da vostri responsabili o colleghi. Per potersi immaginare come sia in pratica prendiamo l’esempio di due dipendenti licenziati da una ditta. Quando il dipendente è stato informato che il suo dipartimento verrà soppresso a causa di una ristrutturazione il suo responsabile non si è curato di lodare gli anni passati in azienda e quanto il dipendente ha fatto per la stessa, ci si è limitati ad annunciare la chiusura del reparto. Questo ha causato un sentimento di rabbia e di isolamento da parte degli ex-collaboratori i quali non esitano a passare al contrattacco interpellando sindacati ed avvocati. In un secondo caso il responsabile annuncia singolarmente ai dipendenti la stessa notizia,  ma suscitando emozioni; Si comunica le difficoltà che l’azienda deve superare non all’ultimo momento ma almeno tre mesi prima di un eventuale licenziamento, si è offerta la possibilità di restare per un certo tempo al 50% (agire prima e non reagire all’ultimo momento) e nel caso i risultati fossero migliori, ritornare al 100%. Il responsabile ha assicurato il suo appoggio nella eventuale ricerca di altre possibilità professionali e personali. Anche se quest’ultimo caso ha perso il lavoro, come il primo, la percezione dell’azienda cambia totalmente e sicuramente si potrebbe considerare anche una riassunzione in futuro.

Gestire in modo attivo questi cinque parametri è sicuramente più dispendioso per la direzione ma risulta estremamente redditizio a medio e lungo termine. Incoraggiare il benessere emozionale dei collaboratori deve essere un caposaldo della filosofia di conduzione di un’impresa, e permette di raggiungere un valore aggiunto notevole ed una resistenza maggiore della struttura intera in periodi di crisi

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 10 settembre 2020 in Uncategorized

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: